La giusta sanzione

Arriva questo tizio ai tavolini di un bar di Piazza Vittorio. Anziano, capello lungo, voce roca, sorriso di uno che ne sa. Saluta il suo amico. Il suo amico non fa altro che richiamare il suo labrador che scorrazza tra i tavoli.

Quello Che Ne Sa vede due vigilesse avvicinarsi alla sua auto, ferma in divieto. E’ una Porche. Urla alle vigilesse: Prendo solo un caffè, dai.

Le vigilesse lo guardano come dire: E a noi?

Quello del Labrador dice: Vai, non farti mettere la multa. Poi cerca il cane con lo sguardo e lo chiama ancora.

Quello Che Ne Sa dice: ma va’, tanto le multe non le pago mai, io. E ride passandosi la mano grassa tra i capelli.

Le vigilesse scrivono il verbale. Quello Che Ne Sa le guarda ridendo. Me ne frego, dice.

Allora io penso: E se invece della multa ti facessero una bella riga lungo tutta la fiancata con un cacciavite? Se ti bucassero tutte e quattro le gomme? Se ti frantumassero tutti i finestrini? La prossima volta, la metteresti di nuovo la tua Porche in divieto?

Non credo proprio. c’è qualcosa di profondamente errato nel nostro sistema sanzionatorio.

E poi penso: e tu, con ‘sto cazzo di labrador, perchè non lo leghi, santodio?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...